MENU

VENDERE con il Rent to Buy per attrarre molti più acquirenti.

Perché conviene, ai privati, vendere con il Rent to Buy

Se oggi ti trovi a dover vendere un immobile, ti sarai sicuramente accorto che i problemi che incontra la gente
nell’acquistare sono di riflesso diventati dei problemi anche per te che devi vendere.

Il venir meno dei mutui al 100% ed il conseguente innalzamento della soglia di liquidità necessaria per acquistare,
ha di fatto ristretto la platea dei potenziali acquirenti qualificati ed innalzato sensibilmente il numero degli immobili
invenduti nel mercato.

Hai idea di quante giovani coppie in questo momento stanno rinunciando ad acquistare casa e ripiegano,
a malincuore, sulla locazione?

Il Rent to Buy è lo strumento che ti consente di proporti nel mercato con un potente vantaggio differenziale
in grado di catalizzare verso di te due precise tipologie di Clienti:

- tutti coloro che non dispongono di una liquidità immediata sufficiente per affrontare una compravendita tradizionale,
ma sono comunque in grado di offrirti una adeguata caparra iniziale;

- tutti coloro che, oltre a comprare, devono anche vendere un altro immobile.

A prescindere da ciò, ci sono comunque una serie di situazioni nelle quali può essere molto conveniente vendere
il proprio immobile con il Rent to Buy anziché con il metodo tradizionale:

  • se non hai fretta di vendere, puoi porre a reddito da subito il tuo immobile con il Rent to Buy:
    fintantoché maturerà la vendita avrai un inquilino-futuro proprietario che pagherà le spese condominiali, curerà
    curerà l'immobile come se fosse già suo e sarà puntualissimo nei pagamenti perché, proprio grazie a questi,
    si sta creando uno “storico” da esibire in banca;

  • se hai fretta di vendere perché hai lasciato indietro le rate del mutuo, con il Rent to Buy ottieni subito,
    tramite la caparra iniziale, la liquidità sufficiente per saldare le rate in sospeso e tramite i versamenti mensili
    del tuo inquilino-futuro proprietario fai fronte alle tue rate future; quando andrai al rogito ed estinguerai il mutuo
    ti troverai un capitale residuo da restituire alla Banca decisamente inferiore, soprattutto se ti trovi
    nella fase finale del piano di ammortamento;

  • se stai vendendo casa per acquistarne un’altra nuova potresti ricorrere al doppio Rent to Buy:
    entri subito nella casa nuova che acquisti con un Rent to Buy di 36 mesi, liberi l’usato, lo ritinteggi
    per presentarlo al meglio e lo poni in vendita, oltre che con il metodo tradizionale, anche con un Rent to Buy
    più breve, tale cioè da garantirti di rogitare l’usato prima di rogitare il nuovo.

Come puoi ben vedere il Rent to Buy è uno strumento flessibile, risolve molte situazioni e soprattutto
catalizza clientela, semplicemente perché risponde a dei reali problemi del mercato.

Considera inoltre l'enorme vantaggio fiscale che hai vendendo un immobile con il Rent to Buy invece di affittarlo:
giusto a mero titolo di esempio, l'immobile che affitti a 600 Euro mensili (interamente tassati) lo potresti facilmente
vendere con il Rent to Buy percependo 900 Euro mensili (600 come acconto + 300 come affitto) pagando le tasse
solamente su 300 Euro e beneficiando, se credi, della cedolare secca.

Perché il Rent to Buy conviene, sempre di più, ai costruttori

Se sei un costruttore attento all'evoluzione del mercato avrai senz'altro capito che non siamo davanti ad una crisi
ciclica del mercato immobiliare, ma all'inizio di una nuova era: quella che noi chiamiamo era post sub-prime.

Nel 2008 il mondo è cambiato e questo è adesso il nuovo mercato con il quale dobbiamo interagire e confrontarci
per parecchi anni ancora.

Il ritorno ad una più attenta erogazione dei mutui solamente uno dei fattori che in questo momento deprimono
il mercato, ma non è certamente l'unico: il vero problema è il profondo cambiamento demografico che il nostro
paese vivendo.

Gli anni d'oro non torneranno più: dobbiamo pertanto imparare a convivere con un mercato in fase di stagnazione.

Ma questa situazione può anche rappresentare una grande opportunità se siamo più veloci degli altri ad abbandonare
i vecchi schemi, non più rispondenti alle esigenze del mercato, ed a dotarci di nuovi strumenti innovativi e più efficaci.

Il Rent to Buy è il metodo vincente per vendere gli immobili nel mercato attuale il e ti consente di:

  • ampliare il tuo bacino di acquirenti finanziariamente qualificati, recuperando così quella fascia di clientela
    che i nuovi parametri di accesso al credito, imposti dal mondo bancario, ti hanno fatto perdere;

  • poter contare su proposte di acquisto definitive, ovvero non subordinate ad alcuna condizione sospensiva;

  • poter vendere anche a chi, per acquistare il nuovo, deve prima liberarsi dell'usato;

  • invertire il tuo flusso di cassa, da negativo a positivo e vendere il 100% degli alloggi che hai costruito.

Sull'ultimo punto mi permetto di rammentarti che le unità invendute ti costano soldi, in termini di manutenzione,
in termini di potenziale obsolescenza, in termini di oneri finanziari, in termini di mancati ricavi.

Sulle tue unità invendute la banca pretende comunque che tu continui a pagare gli interessi sul mutuo cantiere:
vuoi continuare a pagare tu o preferisci recuperare questi interessi tramite i flussi di cassa del Rent to Buy?

Sappi anche che ultimamente, con le imprese con cui lavoriamo, stiamo applicando il Rent to Buy anche sui nuovi
cantieri in corso di costruzione, allo scopo di prevenire l'invenduto. Chiediti perché...